Cibo e Benessere

Vegan Italy: la nuova rivista italiana sul veganesimo.

veg5

In queste ultime settimane, la notizia più dibattuta e ascoltata nei notiziari e sui giornali, è stata quella relativa alle dichiarazioni dell’ Oms che ha definito sicuramente cancerogene le cosiddette “carni trattate”, ovvero salumi, affettati, würstel e hot dog. Le carni rosse in generale sono state definite “potenzialmente cancerogene”, ma tanto è bastato per innescare sui social network una serie infinita  di discussioni, battute, scambi di vedute al vetriolo tra carnivori, vegetariani, vegani e salutisti in generale.
In realtà è difficile capire il perché di tutto questo stupore: forse molte persone immaginavano che mangiarsi un würstel fosse salutare tanto quanto mangiare mele e cavoli, ma siamo certe che la maggioranza sapesse che certi cibi non fossero il meglio come scelta alimentare.
Noi non siamo né vegetariane né vegane, ma siamo curiose e siccome conosciamo da molto tempo le teorie secondo cui assumere troppe proteine animali potrebbe favorire la comparsa di certe malattie, cerchiamo di variare la nostra dieta e quelle delle nostre famiglie con alimenti e preparazioni rubate al vegetarismo e al veganesimo.
Giusto il mese scorso è uscita una nuova rivista Vegan Italy ,che per il mese di novembre riportava in copertina Paola Maugeri, nota veejay di MTV, voce di Virgin Radio, esperta di musica e vegana fin dal tempo in cui i vegani non esistevano neanche. Ovviamente noi non ci siamo fatte scappare la novità e siamo corse a comprare la rivista.
vegan italy
La delusione, però, era dietro l’angolo: in nessuna delle cinque edicole da noi visitate né tantomeno nel negozio Naturasì vicino a casa nostra siamo riuscite a trovare una copia del giornale. Alla fine, per ottenere quello che volevamo, siamo state costrette ad acquistare una copia digitale!
Speriamo che nei prossimi mesi negozi e edicole si attivino, perché la rivista è molto carina. Gli argomenti trattati sono diversi, e può essere interessante, soprattutto per chi non è vegano ne’ vegetariano ascoltare il punto di vista di persone che la pensano in maniera così diversa.
All’interno di questo numero si passa dall’intervista a Paola Maugeri, al servizio su Paul McCartney e famiglia, noti per il loro impegno etico sul fronte animalista.
La figlia di Paul, Stella McCartney, che gli appassionati di moda conoscono come grande stilista, è famosa proprio per non utilizzare nessun materiale di origine animale nelle sue collezioni.
Inoltre ci sono rubriche di approfondimento sul mondo vegano, sulla certificazione dei prodotti e la posta dei lettori agli esperti.
La rivista, insomma, sembra essere completa sotto tutti i punti di vista.
Ovviamente è anche ricca di ricette, che alla fine non sono poi così di difficile esecuzione come si potrebbe pensare. Noi ne abbiamo testata subito una che vi riportiamo qui!
PASTA AL PESTO DI FINOCCHIO E NOCCIOLE

ingredienti (x 4 persone)

veg1
 
  • 300 g di spaghetti integrali
  • 1 finocchio
  • 2 spicchi d’aglio
  • 3 cucchiai di nocciole con la pellicina
  • qualche cucchiaio di acqua
  • un pizzico di scorza di limone grattugiata
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • sale
  • olio evo
  • pepe
 
preparazione
 
Taglia il finocchio a fettine sottili fallo soffriggere per 5 minuti in una padella dal dondo spesso con l’aglio e un cucchiaio di olio evo. Sala un poco, abbassa il fuoco, metti il coperchio e fai cuocere per 5 minuti circa. 

veg3veg2

Nel frattempo tosta le nocciole con un pizzico di sale e tritale. Quando il finocchio sarà cotto frullalo a immersione con la scorza e il succo di limone, 3 cucchiai di olio e l’acqua necessaria per ottenere una salsa liscia e vellutata.
 
Cuoci la pasta in acqua bollente e scolala al dente. Condisci con la crema di finocchio e trasferiscila in un piatto di portata; cospargila con le nocciole, aggiungi una generosa macinata di pepe e, se vuoi, un goccio di olio di qualità. Ed ecco il nostro risultato:

veg4
 
 
A noi è piaciuta moltissimo! A voi?
 
 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *