Pensieri

Pensieri sparsi di fine anno.

Ho visitato luoghi in cui non ero mai stata.

Ho fatto nuove conoscenze: qualcuna, forse, un giorno potrà trasformarsi in qualcosa di più.

Ho scoperto che non è mai troppo tardi per provare ad inseguire un sogno che ci si porta dietro fin da bambini.

Ho sperimentato il piacere di fare le cose solo per il gusto di farle.

Ho capito che qualche volta la natura non si può forzare più di tanto, anche se magari vorremmo attuare quel cambiamento e assomigliare di più al nostro “Io” ideale.

Ho ritrovato vecchie amicizie.

Ho tagliato fuori le persone fonte di negatività.

Ho continuato a fare movimento, anche quando il divano chiamava a gran voce e avrei preferito ampiamente starmene sdraiata a mangiare pane e Nutella.

Ho cercato di essere una mamma sempre migliore.

Mi sono impegnata in nuovi progetti, perchè a rimanere fermi non accade niente, se ti muovi forse alla fine qualcosa ti succede.

Anziché inveire contro il multitasking, ho iniziato ad essere fiera della mia capacità di essere un’ottima equilibrista. Perché è vero che fare tante cose insieme non è salutare, ma spesso è indispensabile e se questo contribuisce a creare degli spazi per me, ben venga.

Quest’anno, al posto dei soliti buoni propositi per il futuro, abbiamo preferito soffermarci su quello che di buono abbiamo realizzato nell’anno che sta per lasciarci.

Per rendere merito al nostro impegno quotidiano, perchè è giusto gratificarsi ma anche per fare il punto della situazione.

E aggiustare il tiro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *