Cibo e Benessere

Gli snack della felicità

cioccolato-e-frutta-secca

Giornata no. Giornata col broncio. Quante volte succede? Troppo spesso ultimamente, anche se è giunto marzo, anche se quella luce in fondo al tunnel data dall’arrivo della primavera la vedi. È che l’inverno con le sue giornate grigie e piovose e buie ti ha stancato e non ne avresti più voglia. E alla stanchezza si somma l’insofferenza. Un ultimo sforzo via, e ci siamo. Alla stagione migliore, a giornate più lunghe, a un sole che comincia a scaldare. Cerchiamo di attraversare questo ultimo periodo invernale col buonumore! Stampiamoci un bel sorriso in faccia e, magari, mettiamoci in tasca un aiutino… 😉 Avete sentito parlare dei cibi che sono un toccasana per l’umore e l’energia vitale? Se ne possono elencare diversi, pollame, uova e pesce compresi. Ma soffermiamoci su quelli che possono fungere da snack, quelli pratici, veloci e pure spezza fame… per una felicità pret-a-porter.

 

     Tenuto conto che il buonumore dipende sostanzialmente dai livelli di serotonina e dopamina presenti nel nostro corpo, vediamo come è possibile alzarli semplicemente sgranocchiando e gustando qualcosa. Anche, e soprattutto, un gusto che ci piace favorisce una buona predisposizione d’animo, no? Smorzare la fame, farci del bene, allietarci mangiando è davvero possibile. Serotonina e dopamina sono prodotti dal nostro organismo a partire da due amminoacidi dai nomi strani: rispettivamente il Triptofano e la Tirosina. Eh sì! Risulteranno sicuramente due “cose” oscure ai più, me compresa. Ma se andiamo a vedere quali cibi li contengono ci accorgiamo che sono molto comuni e alcuni di questi, per valore nutrizionale e per l’apporto salutare in termini di energia, merita davvero consumarli giornalmente, ma in maniera consapevole. L’eccesso è da bandire sempre e comunque.

Vediamo cosa possiamo metterci dunque in tasca, o nella borsa, per renderci più felici:

1.     Mandorle.
Cinque o sei. Preferibilmente con la pellicina marrone. Sì, perché se la mandorla contiene i due amminoacidi in questione e ci aiuta quindi a mantenere alti serotonina e dopamina, la sua pellicina contiene litio in quantità importante. Metallo prezioso per il cervello, efficace antidepressivo e stabilizzatore dell’umore. Assolutamente sì alle mandorle in tasca, quindi!

2.      Noci, anacardi, pistacchi, arachidi.
Si capisce, sempre in dosi moderate anche per ovvie problematiche infiammatorie che ne potrebbero derivare! Ben vengano però questo frutti oleosi sazianti e benefici! Tanto buoni quanto ottimi snack a metà mattina o pomeriggio, soprattutto per chi fa sport. Le noci sono una importante fonte di Omega 3: che fanno tanto bene al nostro cervello e alla nostra memoria questo si sa, ma sappiamo un po’ meno che non solo il pesce è in grado di rifornircene e che agiscono sulla serotonina, aiutandoci a contrastare rabbia e umore irritabile.
Anacardi, pistacchi e arachidi meglio se tostati e al naturale. No al sale, quando non serve.

3.      Soia.
Bene, ormai la conosciamo in tanti. Nelle forme più diverse: latte, yogurt, salsa, formaggio (il tofu)… Lo yogurt come snack va benissimo, ma in mancanza di un frigo se siamo a giro, possiamo portare con noi i semi tostati.

4.      Avocado.
Anche questo frutto abbiamo imparato a conoscerlo. Ormai lo si trova con facilità in commercio. E’ ricchissimo di Omega 3, di potassio, che aiuta a combattere la stanchezza fisica, ma anche di vitamina B6, che interviene nella produzione della serotonina e quindi ha un’azione contrastante il nervosismo e l’irritabilità. Tagliatelo a cubetti e mangiatelo così com’è. Occhio alla quantità però: è molto calorico.

5.      Banane.
Quando si dice la semplicità! Un frutto comunissimo, un mix di potassio e magnesio che favorisce l’equilibrio emotivo e allontana la tristezza. Si alla banana, da sola o in una bella macedonia.

6.      Semi di zucca, di sesamo e di girasole.
A parte i primi, buoni anche mangiati da soli, tostati e più o meno salati, gli altri due potremmo abituarci a portarceli dietro, in un sacchettino, se pranziamo fuori. E aggiungerli nelle insalate. Un piccolo sforzo per aggiungere gusto, salute e quel pizzico di buonumore!

7.      Cioccolato fondente.
E questo si sapeva via! Un dado, un pezzetto, un morso di cioccolato bello scuro è una coccola che possiamo regalarci senza alcun senso di colpa. Aumenta la serotonina, l’endorfina che inibisce il dolore, la feniletilamina, che è la sostanza che il cervello produce quando siamo innamorati. Cosa vogliamo di più?

 

Se vogliamo la felicità… cominciamo con assaporarla! Buono snack!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *